Il primo segreto per trovare lavoro? Straccia il tuo CV! Parti dall’estratto di frutta!

📣 Stai cercando lavoro e non lo trovi?📣

🚮 Bene, la prima cosa da fare è stampare il tuo CV, accartocciarlo e poi buttarlo al cestino.🚮

Ingrana la retromarcia, amico mio!

Se è da tempo che l’invio del tuo CV non ottiene il risultato che speri, allora hai bisogno di ingranare la retromarcia. Torna indietro. Devi ripartire da un’analisi corretta delle tue competenze, del tuo profilo, di ciò che puoi offrire al mercato. Devi analizzare il mercato e il contesto.

Le aziende non cercano CV. Cercano competenze. Hanno in mente un profilo e un grado di esperienza minimo e massimo che questo profilo deve avere. Le aziende hanno in mente un budget da spendere, attività da assegnare, un progetto di crescita. Almeno è così per quelle sane… Le aziende hanno in mente un progetto e una persona che le aiuti a realizzarlo. E se tu ti presenti come un CV non servi a nulla. Verrai scartato.

Butta il tuo curriculum nel cestino!

Sì, buttalo prima che lo faccia qualcun altro. Rimettiti a studiare. Cerca di capire esattamente cosa puoi offrire al mercato e cosa cerca il mercato. Oppure crealo tu il mercato. Non hai altra scelta. Banalizzo… Immagina questa scena: intorno a te ci sono 100 persone e nessuna di loro ha bisogno di un “estratto di frutta” e nessuna di loro è disposto a comprarlo. Tu, però, continui a presentarti (perché magari lo sei anche) come “il miglior estratto di frutta”. La fine della storia è facile: nessuna di loro ti sceglierà.

🤔In una situazione del genere puoi scegliere 2 strade diverse:

  1. Ti informi e cerchi di capire perché non vogliono un “estratto di frutta”. Forse vogliono altro. O forse non sanno cosa sia l’estratto. E forse se ti proponessi come “succo di frutta” e non come “estratto” sarebbero disposti a volerti.
  2. Ti sposti. Cerchi altre persone e capisci dove vivono e lavorano quelle a cui piacciono gli “estratti di frutta”.

Sii l’estratto di frutta che tutti vorrebbero

🤔Non è facile essere il migliore “estratto di frutta” della zona e neppure è facile capire dove vivano quelli che davvero sanno apprezzarlo.

🤔Ma alla fine, come hai capito, il tuo CV non ti serve per trovare lavoro, ma solo per spiegare a quelli che davvero vogliono un “estratto di frutta”, quale sia la ricetta del tuo estratto di frutta e perché il tuo sia meglio degli altri!

 

Buon lavoro supereroe!

Scopri di più e leggi Come trovare lavoro in Italia

Link alla versione cartacea

Link all’estratto ebook

2 risposte

  1. Barbara ha detto:

    L’estratto di frutta può piacere oppure no, può essere il più buono o il più scarso, ma quello che si vende generalmente è quello più sponsorizzato o meglio sponsorizzato

    • Dario ha detto:

      Sotto certi punti di vista hai ragione. Ma, per esempio, io non bevo Coca Cola o altri tipi di cola. E nonostante la pubblicità, neppure quando me la regalano la bevo. A parte questo, poiché la metafora si riferiva al lavoro… Pensa a un territorio dove nessuna azienda è disposta ad assumere un determinato profilo. Perché magari non ci sono aziende alle quali serve. Oppure perché magari la crisi ha investito proprio le attività che quel profilo svolge. In questo caso funziona come per me con la Coca Cola: puoi sponsorizzare quanto vuoi il tuo profilo e il tuo CV, ma potranno succedere solo due cose. Una è che ti assumano, ma non per fare quello per cui ti candidi. E l’altra è che non ti assumano e che sia costretto a cercare lavoro in un altro territorio. Non trovi? Alla fine, nel mondo del lavoro funziona proprio come per gli estratti di frutta: la pubblicità conta, ma non sempre basta…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.